martedì 18 dicembre 2012

Moonrise Kingdom di W. Anderson. Recensione

Moonrise Kingdom
di Wes Anderson
con Bruce Willis, Edward Norton, Bill Murray, Tilda Swinton
Drammatico, 94 min., Usa, 2012

Carrello laterale iniziale, inquadrature simmetriche, jump cut che giustifica sviluppi narrativi altrimenti improbabili, ralenti, colori pastello, e “i cattivi non sono cattivi e i nemici non sono nemici e anche i buoni non sono buoni”. Con Moonrise Kingdom la poetica di Wes Anderson raggiunge la sua piena maturità tecnica e stilistica e dà vita ad una riflessione sulla (pre)adolescenza che mette a nudo i limiti dell’età adulta: la fuga d’amore tra due ragazzini “diversi”, “emarginati”, vuole essere il pretesto per parlare dell’innocenza in un sentimento, quello d’amore, che negli adulti si perde, inevitabilmente.

A metà tra favola e fiaba in immagini, il film (“tutto tenerezza e finali agrodolci”) evidenzia una leggera frizione tra lo stile assolutamente personale del regista, che a livello visivo propone effettivamente qualcosa di nuovo ed inconfondibile, ed una mancanza di originalità a livello di trama. Certo, ci sono delicate metafore come quella dei buchi nelle orecchie della protagonista femminile (allusione alla perdita della verginità) e tributi alla tradizione cinematografica più raffinata, ma poi non bastano vestiti bizzarri, giradischi e un gattino nella cesta di vimini per confondere le acque e vendere come nuovo qualcosa di obiettivamente già visto.

Voto: 7 ½ su 10

(Film visionato il 14 dicembre 2012)


Condividi questo articolo

share su Facebook Twitter Condividi su Buzz Condividi su Reddit Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

6 commenti:

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

storia non nuova, ma wes al suo top!

Babol ha detto...

Concordo col Cannibale, sebbene per me il top rimanga sempre Rushmore!

A.V. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
A.V. ha detto...

@CK
Sì, tecnicamente film ineccepibile e per questo molto accattivante.

@ Babol
Quello che mi ha convinto di più è invece "Il treno per Darjeeling"

L.Z. ha detto...

Sinceramente Il treno per il Darjeeling dovrei rivederlo (ricordo però che mi aveva sorpreso in positivo), quest'ultimo di wes anderson mi è piaciuto molto, anche la storia, semplice ma coinvolgente e delicata.

Amos Gitai ha detto...

Salve,
augurandoti un felice 2013, ti invito a votare i migliori film del 2012 sul mio blog. Nella pagina trovi anche il link per votare come "blogger cinematografico". Ovviamente, l'invito è esteso a tutti i blogger di cinema qui di passaggio che non sono ancora riuscito a contattare e a tutti i visitatori amanti del cinema!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...