lunedì 1 ottobre 2012

Salvare sì, salvare no

Quando si dice il politichese...
Uno spettacolare (e "chiarissimo") Nichi Vendola se ne esce così su Twitter a proposito dell'emergenza sanitaria e ambientale generata dall'Ilva di Taranto.


"Noi non dobbiamo salvare l'Ilva, ma dobbiamo salvare l'Ilva salvando Taranto e i suoi abitanti". Ovvero come non dire niente, e farlo confusamente, in meno di 140 caratteri. Un'acrobazia linguistica che permette all'indagato governatore pugliese di tenere il piede in due scarpe, di non essere nè pro nè contro. Eppure la vicenda è chiara: l'Ilva non può agire fuori dalle norme, se vuole produrre deve ammordenare gli impianti e smetterla di massacrare uomini e territorio.
Ma forse Vendola è confuso da un Ministro dell'Ambiente, Clini, che sembra sempre più un Ministro dell'Industria e che oggi sta portando avanti l'inter progetturale per il Ponte sullo Stretto.   
Resta l'impressione che, accanto a un uso interrelazione e orizzontale della rete, prenda largo un'impostazione verticale, che riduce Internet a un'estensione dei meccanismi di propaganda e censura tipici di altri mezzi. Politichese incluso.  
Ma la domande delle domande: ma lui, in qualità di presidente della Regione Puglia, mentre l'Ilva violava tutto quello che si può violare, dov'era?



Condividi questo articolo

share su Facebook Twitter Condividi su Buzz Condividi su Reddit Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...