martedì 12 giugno 2012

Retroazione

Se la legge anticorruzione dovesse passare e se con essa dovesse essere approvato anche il maxi-emendamento contenente l'articolo 10 sull'incandidabilità dei condannati in via definitiva (tre gradi di giudizio), ebbene noi crediamo gioco-forza che esso dovrebbe essere immediatamente attivo e retroattivo. Dovrebbe, cioè, causare l'immediata incompatibilità ed espulsione dal parlamento dei seguenti deputati-barra-senatori, e a mai più rivederci! (fonte: beppegrillo.it)

Bernardini Rita (deputato PD): Condannata nel 2008 a quattro mesi per cessione gratuita di marijuana, pena estinta per indulto.
Berruti Massimo Maria (deputato PDL): 8 mesi definitivi per favoreggiamento nel processo tangenti Guardia di Finanza.
Bonsignore Vito (europarlamentare PDL): condannato definitivamente a 2 anni per tentata concussione nello scandalo delle tangenti per il nuovo ospedale di Asti.
Borghezio Mario (europarlamentare Lega Nord): condannato in via definitiva per incendio aggravato da "finalità di discriminazione", per aver dato fuoco ai pagliericci di alcuni immigrati che dormivano sotto un ponte di Torino, a 2 mesi e 20 giorni di reclusione commutati in 3.040 euro di multa.
Bossi Umberto (deputato Lega Nord): condannato in via definitiva a 8 mesi di reclusione per 200 milioni di finanziamento illecito dalla maxitangente Enimont.
Camber Giulio (senatore PDL): 8 mesi definitivi per millantato credito.
Carra Enzo (deputato UDC): una condanna in via definitiva per false dichiarazioni al pubblico ministero. Per i giudici, Carra è un falso testimone che, con il suo «comportamento omertoso» e la sua «grave condotta antigiuridica», ha tentato di «assicurare l’impunità a colpevoli di corruzione, falso in bilancio e finanziamento illecito» nel caso Enimont. Parola del Tribunale e della Corte d’Appello di Milano, nonché della Cassazione, che l’hanno condannato prima a 2 anni e poi a 1 anno e 4 mesi (grazie allo sconto del rito abbreviato) di carcere.
Ciarrapico Giuseppe (senatore PDL): è stato condannato a 3 anni definitivi per il crack da 70 miliardi della Casina Valadier (ricettazione fallimentare) e ad altri 4 e mezzo per il crack Ambrosiano (bancarotta fraudolenta). In totale ha quattro condanne in via definitiva: oltre a ricettazione fallimentare e bacarotta fraudolenta, anche violazione della legge che tutela il lavoro minorile e finanziamento illecito ai partiti (fonte la Repubblica).
De Angelis Marcello (deputato PDL): condannato in via definitiva a 5 anni di carcere per banda armata e associazione sovversiva come dirigente e portavoce del gruppo neofascista Terza Posizione.
Del Pennino Antonio Adolfo Maria (senatore Partito Repubblicano Italiano per il Gruppo Misto): due patteggiamenti. Nel luglio1994 ha patteggiato una pena di 2 mesi e 20 giorni (convertita nella sanzione di 4 milioni) nel processo per le tangenti Enimont. A ottobre 1994 altro patteggiamento: di una pena di 1 anno, 8 mesi e 20 giorni per tangenti relative alla Metropolitana milanese.
Dell’Utri Marcello (deputato PDL): condannato definitivamente a Torino a 2 anni e 3 mesi per false fatture e frodi fiscali nella gestione di Publitalia (reato per cui fu arrestato per 18 giorni nel maggio 1995 e poi patteggiò la pena in Cassazione).
Farina Renato (deputato PDL): Farina patteggia una pena di 6 mesi di reclusione per favoreggiamento nel sequestro di Abu Omar, l’imam egiziano rifugiato in Italia, sequestrato a Milano il 17 febbraio 2003 dalla Cia con l’aiuto del Sismi, trasportato nella base americana di Aviano e di lì deportato in Egitto, dove fu torturato per sette mesi.
La Malfa Giorgio (deputato Partito Repubblicano Italiano per il Gruppo Misto): condannato definitivamente a 6 mesi per il finanziamento illecito della maxitangente Enimont.
Lenher Giancarlo (deputato Popolo e Territorio, Noi Sud-Libertà ed Autonomia, Popolari d'Italia Domani-Pid, Movimento di Responsabilità Nazionale-Mrn, Azione Popolare, Alleanza Di Centro-Adc, Democrazia Cristiana): condannato per diffamazione aggravata.
Maroni Roberto (deputato Lega Nord, ex Ministro dell'Interno): condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale durante la perquisizione della polizia nella sede di via Bellerio a Milano.
Nania Domenico (senatore PDL): arrestato per 10 giorni e poi condannato in via definitiva a 7 mesi per lesioni personali legate ad attività violente nei gruppi giovanili di estrema destra (fatti dell’ottobre ’69, sentenza emessa nel 1977 e divenuta definitiva nel 1980).
Naro Giuseppe (deputato UDC): condannato in primo grado a 3 anni e in Cassazione a 6 mesi definitivi di reclusione (erano 3 anni in primo grado) per abuso d’ufficio nel processo per l’acquisto con denaro pubblico di 462 ingrandimenti fotografici, alla modica cifra di 800 milioni di lire.
Papania Antonino (senatore PD): il 24 gennaio 2002 ha patteggiato davanti al gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione per abuso d’ufficio.
Rutelli Francesco (senatore API): condannato dalla Corte dei Conti per danno erariale.
Sciascia Salvatore (senatore PDL): condannato definitivamente a 2 anni e 6 mesi per aver corrotto alcuni ufficiali e sottufficiali della Guardia di finanza.
Tomassini Antonio (senatore PDL): medico chirurgo, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 3 anni di reclusione per falso.

Qui trovate l'elenco completo (forse non aggiornato: completatelo e correggetelo voi lettori) dei processati, indagati, prescritti o condannati in primo e/o secondo grado ma non ancora in terzo. Sono in totale OTTANTAQUATTRO. Una versione più estesa dell'elenco la trovate su impolitico.org


Condividi questo articolo

share su Facebook Twitter Condividi su Buzz Condividi su Reddit Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...