domenica 17 aprile 2011

A cosa serve essere giovani?

La "riforma Meloni", ddl approvato due giorni fa in sede di Consiglio dei Ministri, prevede l'abbassamento dell'età minima dell'elettorato passivo, ossia di quei cittadini che possono essere votati ed eletti: basterà la maggiore età per entrare alla Camera e i 25 anni per essere eletti al Senato. Una proposta interessante e sicuramente lodevole, perchè il nostro è un Parlamento tra i più vecchi del mondo. Bossi ha 69 anni, Matteoli 70, B. 74, Napolitano 85, Andreotti 91La parte dei "giovani" la fanno Schifani con 60 anni e Fini con 58, e poi Tremonti, Castelli e La Russa con 63.

È qui che bisogna intervenire: come possono decidere del futuro di un paese 80enni che, quando va male, sono collusi e indagati (o condannati in via definitiva, come nel caso di Bossi)? La grande riforma costituzionale del Parlamento italiano dovrebbe essere il divieto (quanto meno) ai condannati in terzo grado di avere l'onore di essere chiamati "candidati" (dal latino candidatus, aggettivo partecipiale che sta per "vestito di bianco", con riferimento alla toga di seta bianca indossata dagli aspiranti ad una carica dello Stato, indicante pudica e onesta moralità) e "onorevoli". Perchè loro se ne fregano. Basti pensare che per le amministrative napoletane prossime venture il Pdl presenta un candidato sotto processo (Gianni Lettieri, truffa) e il Pd un indagato (Mario Morcone, appalti). E del resto, al momento attuale nel nostro parlamento (la iniziale minuscola è voluta) SI CONTANO NOVANTAQUATTRO tra inquisiti e condannati in primo, secondo o terzo grado, trasversali ai partiti ed equamente distribuiti fra Camera e Senato (qui trovate "la lista dei ricercati"). 

Il "libro-denuncia" di Travaglio&Gomez, uscito nel 2006. Cos'è cambiato in 5 anni?
A cosa serve, dinanzi a ciò, essere giovani? Se una rivoluzione morale non investe la dirigenza politica del nostro martoriato Paese, a niente. E questi malviventi continueranno a stare lì fino agli 80 anni, andando in pensione a 50, a 45, dopo pochi anni di contributi. Ne bastano 5 con i culi deformi incollati sui seggi per avere accesso a una pensione che superi i 3 mila euro. Una grande inchiesta dell'Espresso ha calcolato che gli ex-parlamentari che hanno acquisito il diritto alla "pensione d'oro" superano i 2 mila: 1377 ex-deputati e 861 ex-senatori, elenco (qui lo trovate completo) nel quale non sono compresi gli oltre mille vitalizi di reversibilità pagati ai familiari dei parlamentari scomparsi

Una bella idea, quella della Ministra della Gioventù Giorgia Meloni. Peccato che le sia venuta in Italia.


Condividi questo articolo

share su Facebook Twitter Condividi su Buzz Condividi su Reddit Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

2 commenti:

Volpina ha detto...

Essere giovani serve ai vecchi per poter stare al potere! :)

Bisognerebbe lanciare una bomba in parlamento, altro che senatori a vita...

G. I. ha detto...

No, la violenza no, dai... due schiaffi e a casa, al limite.. E i condannati in galera

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...