sabato 5 marzo 2011

Approvato in Cdm il decreto sulle fonti rinnovabili

Due giorni fa, NEL SILENZIO PIÚ ASSOLUTO, è stato approvato in Cdm il decreto Romani sulle fonti rinnovabili, di cui avevamo già parlato. Dovrebbe essere una notizia da prima pagina, una delle notizie principali nelle home page dei siti web, perchè sono questi i punti nodali che decidono il futuro economico di un paese. Qui si parla di ritorno al nucleare, di ambiente, di salute, di qualità della vita. Di quell'etica della felicità di aristotelica concezione che è principio-base delle nostre idee. E invece, come il "milleproroghe" è passato nell'indifferenza generale, lo stesso sembra avvenire per questo decreto. Ci interessa solo e ossessivamente "lui". Oppure, da voyeur quali siamo, tutta la litania di morti tragiche, stupri (anche falsi) e altre notizie strambe. In questo momento, ore 15:48 del giorno 5 marzo dell'anno del Signore 2011, NESSUNO dei siti dei quotidiani nazionali tiene ancora la notizia, che è già stata inghiottita nella Fossa delle Marianne del web

Dopo una vita a legiferare (male) sulle TV, Paolo Romani si scopre esperto di fonti energetiche. Talenti nascosti!

Ho controllato su il Fatto quotidiano online, la Repubblica, il Corriere della Sera, la Stampa, il Manifesto, l'Unità, il Giornale e, lo ripeto, una coltre nebbiosa copre un decreto nel quale associazioni ambientaliste e di consumatori hanno già rilevato tracce di incostituzionalità, chiedendo al Presidente Napolitano di non firmare. Del resto, è difficile aspettarsi una visione neutrale da un dichiarato sostenitore del nucleare. 

In primo piano nelle home page "le tragicomiche avventure di Silvio" che va a processo (sconvolta la casalinga di Voghera: "e io che vado al supermercato?") e Hitler, Gambadilegno e Garibaldi che firmano la petizione del PD contro B.. E poi l'amico Gheddafi, dittatore di un paese che diventerà il "prossimo Iraq": le navi americane sono già lì.  E una "chicca finale": Libero offre la cronaca diretta, minuto per minuto, dell'autopsia di Yara
Vedere per credere (o vomitare). 


Condividi questo articolo

share su Facebook Twitter Condividi su Buzz Condividi su Reddit Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

1 commento:

il mahatma ha detto...

errata corrige:
post riveduto e corretto in diversi punti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...