sabato 5 febbraio 2011

Il vero Salinger svelato da una corrispondenza inedita

Un uomo affascinante, cordiale, dal temperamento caloroso e incline alla battuta.

Un uomo del tutto diverso dall’orso scostante e burbero spesso descritto dai media.

Questo il ritratto dello scrittore statunitense che emerge da cinquanta lettere inedite inviate tra il 1986 e il 2002 ad un amico inglese, Donald Hartog e donate dalla figlia di quest’ultimo all’università britannica di East Anglia, che le ha rese pubbliche.

I due si erano conosciuti nel 1937, entrambi diciottenni, a Vienna, dove studiavano insieme il tedesco.

Dopo anni di silenzio, nel 1986 Donald Hartog inviò una missiva al vecchio amico che non aveva mai dimenticato e così ebbe inizio una corrispondenza più o meno regolare che si protrasse per 16 anni e fu accompagnata da varie visite.

Nelle lettere inviate Salinger esprime la sua passione per i viaggi, il tennis, i tre tenori – soprattutto José Carreras – e per i panini di Burger King. Parla di arte, cinema, delle serate al ristorante o a teatro e della speranza di assistere ad un concerto di Cechov. Qualifica come «stupidi» Reagan e Bush e si mostra diffidente nei confronti della Thatcher. Consiglia anche libri ai figli di Hartog e allega spesso ai suoi messaggi ritagli di giornale.

«Le lettere sono molto commoventi -ha commentato Frances, la figlia di Hartog- e sono scritte proprio nello stile dei suoi libri: uno stile casual ma che usa esattamente le parole giuste. Vi è incredibile calore e affetto verso mio padre e questo è così in contrasto da come solitamente Salinger viene rappresentato». Ricordando la visita dello scrittore in occasione del 70° compleanno del padre, nel 1989, Mrs. Hartog aggiunge: «Non avevo molta voglia di incontrarlo, perché mi piaceva la sua scrittura e temevo che egli potesse essere piuttosto sgradevole, in linea con la sua reputazione, ma non lo fu affatto, fu assolutamente affascinante».

In poche parole, «un altro Salinger, un Salinger comune e non l’uomo recluso e in collera quale lo si credeva», commenta Christopher Bigsby, docente di studi americani all’Università di East Anglia, nel comunicato ufficiale pubblicato dalla facoltà. E in un’intervista al Daily Telegraph aggiunge: «Oggi ci aspettiamo dai nostri scrittori che siano personaggi pubblici. Salinger non era interessato a questo. Non si fidava dei media e odiava l’idea di una biografia». Tuttavia non è un «eremita folle, quello che si rivela in queste lettere. Certo, amava la sua privacy, ma egli visse nel mondo ed ebbe grande piacere da esso».


Condividi questo articolo

share su Facebook Twitter Condividi su Buzz Condividi su Reddit Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

1 commento:

G. I. ha detto...

Invece nella biografia "L'acchiappasogni" una delle figlie lo descrive come un sadico perverso che esercitava enorme violenza psicologica sulle figlie e sulla moglie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...